Extra

Hatha Yoga

Sabato 8 e domenica 9 giugno dalle 09:30 alle 10:30 – Salvo Angelico

Il dio Shiva, in una delle sue rappresentazioni, è Nataraja, signore della danza che schiaccia sotto di se “l’ignoranza”. Allo stesso tempo è lo yogi perfetto, eternamente immerso nella beatitudine e nel samadhi. L’hatha yoga parte dall’aspetto più “basso”, cioè la percezione assoluta del corpo fisico/grossolano, aspetto fondamentale nella danza, per poi condurre al raggiungimento degli stadi di supercoscienza.

SalvoSalvo Angelico si avvicina allo yoga giovanissimo e inizia il suo percorso come allievo della rinomata Accademia yoga a Roma. Contemporaneamente all’approfondimento dell’hatha yoga, studia yoga tantrico e shivaismo del Kashmir. Dopo anni di pratica intensa si diploma insegnante in India presso l’ashram Yoga Vidya Gurukulamî di Swami Ananda Saraswati.

Introduzione al tarocchino bolognese

Sabato 8 giugno dalle 11:30 alle 13:00 – Lorenzo Cuppi

Pochi sanno che le carte dei tarocchi nacquero in una corte italiana quattrocentesca per praticare un brillante tipo di gioco che introduceva il concetto di briscola. La cartomanzia coi tarocchi nacque invece vari secoli dopo. Il giuoco del tarocchino bolognese trae le sue origini nella prima metà del Quattrocento e ha la caratteristica unica, fra i giochi di carte europei, di essersi conservato in modo fedele per almeno quattro secoli a Bologna e nel suo territorio. Oggi questo complesso gioco sopravvive, oltreché in alcune famiglie, soprattutto in bar, circoli aziendali e circoli culturali fra cui anche l’ARCI San Lazzaro. lo stage si parlerà un po’ della storia del gioco, delle sue antiche carte e, se possibile, si proverà ad imparare un po’ a giocare.